Si torna al successo

Tiberis – Virtus Sangiustino 1-3
Tiberis: Savignani, Tondini Eu, Magrini, Sparano, Zimoch, Gagliardini (23st Mariani), Djaloshi (27st Bifolchi), Tomarelli (44st Sarnari), Giulietti, Leba, Maestri (24st Conti). A Disp: Alunni, Corsici, Tondini Ed. All: Andrea Bettucci
Virtus Sangiustino: Matteaggi C, Ruggeri Di, Ruggeri Da (17st Pantani), Tomassini, Tori, Cignarini, Poggini, Agri (10st Piccini), Gennari (40st Sanchez), Belloni, Del Bene. A Disp: Fiorucci, Brondoli, Musliu, Castori. All: Andrea Procelli (in panchina Marco Farinelli)
Arbitro: Tommaso Capoccia di PG
Reti: 11pt Giulietti (T), 34pt Ruggeri Di (VS), 12st e 44st Piccini (VS)
Note: Spettatori 50 circa, Recupero pt 1 – st 4, Angoli 2-9, Espulso 21st Leba per doppia ammonizione Ammoniti Zimoch, Sparano (T), Ruggeri Di, Ruggeri Da, Poggini, Tomassini, Piccini (VS)
Umbertide: Al Città di Torino di Umbertide, per l’indisponibilità dello stadio Morandi, la Virtus torna al successo e lo fa con pieno merito, anche se ha cominciato la partita molto contratta concedendo il vantaggio ai locali e rischiando in altre occasioni dopo 1-1. Dopo la gara di Cerqueto finita con molto rumore e discussioni in settimana, la squadra della Virtus è arrivata ad Umbertide consapevole che questa gara risultava importantissima per continuare a sperare di agganciare la vetta, ma di fronte aveva la Tiberis che non aveva nessuna intenzione di fare la vittima sacrificale. Nei primi dieci minuti, pur con le gambe che tremano, la Virtus prova a spingersi in avanti, calci d’angolo la palla ribattuta in qualche modo, gravita nella zona dei fratelli Ruggeri che però vengono anticipati da Savignani. Quindi ci prova Agri con un bel tiro dalla distanza che finisce alto sopra la traversa. Ma la squadra non è tranquilla e si vede: rinvio di Matteaggi Christian da fondo campo, di testa Leba anticipa Agri e s’invola tra le maglie rosse, arriva in area conclude respinta del portiere, i difensori rimangono un po’ a guardare e arriva da dietro Giulietti che infila la porta per il vantaggio dei locali. La Virtus sembra nervosa e sbaglia molti appoggi e disimpegni, poi si scuote quando Gennari servito in area stoppa e lascia sul posto Zimoch ma si allarga troppo, prova il diagonale con la palla che attraversa tutto lo specchio della porta. Da li a poco la Virtus riesce a pareggiare: calcio d’angolo, palla in area conclude Tori, respinge vistosamente con un braccio un difensore della Tiberis l’arbitro lascia giocare con ampi gesti a dimostrare l’involontarietà, riesce a portarsi sulla palla Ruggeri Diego che infila Savignani che non arriva sulla conclusione del difensore giallo-rosso. Nel finale di primo tempo, prima la Tiberis sfiora il vantaggio con Tondini Eugenio che recupera palla sul capitan Belloni ed entrato dentro l’area spara sul portiere che respinge. Quindi ci prova Poggini da fuori, respinge Savignani, interviene Gennari ma l’arbitro considera in posizione irregolare l’attaccante virtussino. Nella ripresa la Virtus sembra voler cambiare marcia e va subito al tiro con Del Bene con la palla che esce di poco, Gennari arriva leggermente in ritardo per la deviazione vincente. In una ripartenza ci prova Leba dal limite, conclusione centrale che Matteaggi respinge di pugno. Nel capovolgimento di fronte, la palla giunge in zona Gennari che supera con un pallonetto anche il portiere ma poi quando conclude, prima che la palla varchi la linea di porta, Magrini sbroglia. Mister Procelli decide che è il momento di Piccini, toglie un centrocampista Agri, per inserire l’attaccante e dopo due minuti questa mossa lo ripaga. Calcio d’angolo, Piccini svetta più in alto di tutti e batte Savignani. La Tiberis non è arrendevole, affatto e dopo 3 minuti si conquista una punizione sulla lunetta dell’area di rigore; alla battuta va Sparano e Matteaggi Chrisian compie il miracolo togliendo la palla dall’angolo basso alla sua sinistra. Passano alcuni minuti e la stessa punizione capita anche alla Virtus e anche questa volta il duello viene vinto dal portiere, con il bel intervento di Savignani sul tiro di Cignarini, nel frattempo la Tiberis era rimasta in dieci per l’espulsione di Leba per doppia ammonizione. Un minuto più tardi ancora Savignani protagonista che respinge alto una conclusione di Gennari. La Tiberis ci prova, la Virtus controlla e sfiora ancora la terza rete sempre di testa e sempre con Piccini sulla punizione di Cignarini a porta vuota non centra lo specchio. Quindi in due circostanze quasi analoghe, Poggini serve prima una palla buona a Gennari che a tu per tu con il portiere non riesce a batterlo e poi nel finale lo stesso centrocampista mette in verticale nella corsa per Piccini che batte per la terza volta Savignani in uscita chiudendo la partita. Finisce quindi la gara con la Virtus che torna a due punti di distacco dalla capolista Selci Nardi, consapevole però delle difficoltà che il calendario gli pone davanti, mentre per la Tiberis si prospetta un finale di campionato senza grosse pretese con la salvezza ormai certa ed il quinto posto che servirebbe solo per le statistiche.

PRIMA CATEGORIA
9^ 11/03/2018 15.00
CERBARA CALZOLARO 2-2
1-0 Simoncini ® 2-0 Vinciguerra 2-1 Tavernelli ® / 2-2 Milanesi
FRATTICIOLA GUALDO CASACASTALDA 1-4
0-1 Gjeci / 0-2 Bettelli 1-2 Verzini 1-3 Kromah
PADULE S. MARCO CERQUETO 3-0
1-0 Marinangeli 2-0 Mariucci / 3-0 Bettelli
PIERANTONIO COSMOS PONTEVILLA 1-1
1-0 Vincenti / 1-1 Mazzanti
PROMANO SELCI NARDI 2-2
0-1 Marinelli 1-1 Mearelli 1-2 Ceccarelli 2-2 Atif
RESINA MONTECASTELLI 2-2
1-0 Cesaroni 2-0 Cetra / 2-1 Felci 2-2 Galletti
SAN LORENZO LERCHI MONTE ACUTO 1-1
1-0 Grilli 1-1 Hable
TIBERIS SANGIUSTINO 1-3
1-0 Giulietti 1-1 Ruggeri / 1-2 Piccini 1-3 Piccini
CLASSIFICA
SELCI NARDI 54
SAN LORENZO LERCHI 53
VIRTUS SANGIUSTINO 52
PADULE SAN MARCO 50
PIERANTONIO COSMOS 38
CERBARA * 38
CERQUETO 33
TIBERIS 33
PONTEVILLA 31
CALZOLARO 30
PROMANO 29
MONTECASTELLI* 25
RESINA 22
MONTE ACUTO 20
GUALDO FOSSATO 16
FRATTICIOLA 3
25994832_729080203950778_5724774987281301263_n[1]

Bookmark the permalink.

Vecchi commenti

  1. LERCHI – VIRTUS due squadre e un arbitro all’altezza delle aspettative regalano ai tifosi delle 2 squadre una bella partita .

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>