Sconfitta in casa della capolista, altro rigore contro

Ellera – Virtus Sangiustino 2-0
Ellera: Farinelli, Rossi, Sacchetti, Mogini, Morlupo, Urbani, Federici (21st Doricchi), Bececco (21st Tchakoudie), Tranchitella, Mariani (39st Bartoccini), De Luca. A Disp: Segoloni, Sciarpetta, Antonini, Lustri. All: Stefano Perugini
Virtus Sangiustino: Matteaggi, Ruggeri, Mancini M, Tomassini, Baldi (35st Grilli), Mencagli (41st Del Bene), Procelli, Bartolo, Bruschi (7st Piccini), Belloni, Poggini. A Disp: Mancini E, Musliu, Consorte, Sanchez. All: Valerio Bendini
Arbitro: Mohammadi Ben Boubaker di FO (Stocchi e Costantini di FO)
Reti: 34st Tranchitella rig 44st Tranchitella
Note: Spettatori 50circa, Recupero pt 1 – st 3, Angoli 9-2, Ammoniti Urbani e Mogini (E) Tomassini e Baldi (VS)
Ellera: Vince la capolista Ellera contro una ostica e quadrata Virtus Sangiustino, che dopo un primo tempo in attesa rischiando anche quacosina, nella ripresa ha cercato di mettere in difficoltà una formazione piena di individualità che poi nel momento in cui la partita era incanalata sul risultato di parità ha ricevuto un calcio di rigore veramente ridicolo che gli ha permesso di sbloccare il risultato per poi chiudere al 90 con un calcio di punizione. Insomma se è vero che la capolista potrebbe aver meritato il successo, questo è maturato con un episodio contestatissimo da parte della Virtus che in due domeniche consecutive si vede concedere a sfavore altrettanti calci di rigore ridicoli. Se per analizzare quello di domenica scorsa basta riguardarsi le immagini che parlano chiare, quello di oggi è parso ancor più inesistente. Corre il 32 del secondo tempo quando Tranchitella in area scivola e si rialza immediatamente per recuperare il pallone a questo punto il direttore di gara fischia e tra lo stupore generale, concede il calcio di rigore per i locali tra proteste della Virtus e stupore della capolista che chiaramente approfitta della situazione e si porta in vantaggio con la trasformazione del bomber bianco-azzurro. E difficile il momento della Virtus, che in due settimane si vede defraudare di qualche punticino in classifica. Ora mi rimane la curiosità di leggere come verrà raccontato questo episodio da carta stampata e magari altri siti. Dicevamo di una partita dove nel primo tempo forse la Virtus ha avuto troppa paura degli avversari e spesso si è complicata la vita regalando troppi palloni agli avversari. La prima opportunità per i locali capita sui piedi di Tranchitella che cerca di superare Mancini in area per poi concludere di destro con risposta di Matteaggi in calcio d’angolo. Quindi è lo stesso Tranchitella su calcio di punizione, ma la sua conclusione finisce alta. Quindi occasione per Urbani; punizione dalla destra di Morlupo, Urbani tutto solo al volo non inquadra la porta mettendo alto da pochi metri. Lo stesso Urbani qualche minuto più tardi non riesce a sfruttare al meglio una palla vacante in area ed in diagonale mette fuori. In chiusura di tempo c’è una conclusione da fuori di Mariani deviata da Baldi e per poco la sfera non beffa Matteaggi. Nella ripresa la Virtus prende coraggio e da una parte Procelli e dall’altra Ruggeri spingono di più anche grazie ad un centrocampo che ha guadagnato metri sul campo. Diverse le palle messe al centro dai due esterni senza grosse occasioni con un Farinelli che rimane inattivo fino alla conclusione da fuori di Bartolo bloccata dal portiere. Anche Matteggi dall’altra parte non è troppo impegnato e si limita a della belle uscite alte che sbrogliano situazioni intrigate, fino all’episodio del calcio di rigore che cambia la partita. Subito il gol la Virtus ci prova ma non riesce a creare occasioni e Tranchitella al 90 raddoppia su calcio di punizione. Si torna senza punti da questa trasferta, ed il rammarico di come è venuta, è grande ma non bisogna mollare, da domani subito al lavoro per preparare al meglio il recupero di giovedì con il Pontevalleceppi. L’Ellera dalla sua mette in cascina altri 3 punti portando il suo vantaggio in classifica a 8 lunghezze, difficile fermare una squadra capace di conquistare 32 punti su 36, ma questa volta c’è stato uno zampino importante.

Dario Tranchitella

Dario Tranchitella

PROMOZIONE – GIRONE A
13° GIORNATA
Domenica 4 dicembre, ore 14,30
Casa del Diavolo-Trasimeno 1-0
44′ st Bianchi
Ellera-Virtus Sangiustino 2-0
35′ rig. e 44′ st Tranchitella
Montone-Agello 1-0
7′ st Hoxha
Pianello-Pontevecchio 1-2
14′ pt Morucci (Po), 35′ pt Quafo (Pi), 44′ st Cellini (Po)
Pievese-Pontevalleceppi 1-0
36′ st Cacciamano rig.
Pietralunghese-Marra San Feliciano 2-1
7′ st Bartoccini rig. (M), 9′ st Tassi rig. (P), 12′ st Brunelli (P)
San Lorenzo Lerchi-MDL/San Secondo 1-0
37′ st Martinelli rig.
San Marco Juventina-Tavernelle 1-0
31′ st Lavoratori

CLASSIFICA (* una gara in più)
Ellera 32
Trasimeno 24
Casa del Diavolo 22
Pievese 21
Pontevalleceppi 19
Montone* 18
Agello 17
Pietralunghese 17
Pontevecchio 16
San Lorenzo Lerchi* 15
Virtus Sangiustino 15
Marra San Feliciano 14
San Marco Juventina 13
Mdl Sansecondo 11
Tavernelle 9
Pianello 8

CLASSIFICA MARCATORI
9 GOL: Tranchitella (3 rig., Ellera).
8 GOL: Bragetti (6 rig., Casa del Diavolo), Bartoccini (2 rig., Marra San Feliciano), Martinelli (2 rig., San Lorenzo Lerchi).
7 GOL: Cacciamano (Pievese).
6 GOL: Marri (1 rig., Pontevalleceppi).
5 GOL: Mencarelli (1 rig., Tavernelle), Vazzana (1 rig., Trasimeno).
4 GOL: Brunelli (1 rig., Pietralunghese), Sinisi (Pontevalleceppi).
3 GOL: Cacciavillani, Storani (Agello), Bececco (Ellera), Pacciarini (1 rig., MDL San Secondo), Ouri (Marra San Feliciano), Farruku, Manuali, Tassi (3 rig., Montone), Cipolla (2 rig., Pietralunghese), Graziani, Mengoni (Pievese), Bufi, Feliciani (Pontevecchio), Depretis (San Marco Juventina), Gibbs (1 rig., Tavernelle).
2 GOL: Mezzasoma, Moldovanu (Agello), Bianchi Iac., Corradini (Casa del Diavolo), De Luca, Mariani (Ellera), Polito e Tadi (MDL San Secondo), Hoxha (Montone), De Luca (1 rig.), Marchi (Pianello), Vispi (Pietralunghese), Vitali (Pievese), Cellini, Fuscagni (Pontevecchio), Bianchi, Pasqui (San Lorenzo Lerchi), Crocetti, Lavoratori (San Marco Juventina), Spiaggia (Tavernelle), Castro, Etogo, N. Giorgini (Trasimeno), Baldi e Piccini (Virtus Sangiustino).

Bookmark the permalink.

2 Comments

  1. tifoso giallorosso

    i soliti furbini del calcio sono ritornati basta fare 1 + 1= 3 questa è la teoria di chi il calcio lo vuole dirigere a suo piacimento ………che peste li colga.

  2. Virtussino doc

    La Virtus di Bendini è composta tutta di cursori ciechi. Non ha un giocatore di estro che sia capace di saltare l’uomo. Vi piace questo gioco?

Rispondi a tifoso giallorosso Annulla risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.


*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>